Documenti necessari per richiedere un Mutuo

Quale sono i documenti necessari per richiedere un Mutuo Online oppure in Banca??

Ecco un articolo con un approfondimento documentale.

 

Questa checklist documentale, serve in quasi il 99% dei casi quando ci si reca in filiale per richiedere un mutuo, quando ci si avventura in una banca online oppure quando ci si affida ad uno consulente del credito specializzato come ad esempio facendo richiesta qui su mutuore.it.

Per un’ordine personale e mentale, dividiamo la documentazione in 3 gruppi:

  1. ANAGRAFICA;
  2. REDDITUALE;
  3. IMMOBILIARE;

Può sembrare banale, ma recuperando tutti i documenti a caso, visto la mole di pagine, facilmente si può perdere qualcosa. Quindi, parola chiave: ORDINE!! Andiamo ancora nel dettaglio:

DOCUMENTI ANAGRAFICI


  • Carta di Identità in corso di validità fronte/retro;
  • Codice Fiscale in corso di validità fronte/retro;
  • Certificato di Stato di Famiglia in originale;
  • Certifato di Residenza in originale;
  • Certificato di Stato Civile/Estratto di Matrimonio;

Sono tutti documenti facilmente reperibili. Raccomandiamo di verificare scrupolosamente le date di scadenza. E’ infatti obbligatorio avere tutti i documenti in corso di validità. Se ad esempio, la carta di identità ha una scadenza a breve termine (es: Scadenza tra un mese!) è cosa buona e giusta passare al comune e fare un rinnovo. Lo stesso vale per i certificati: Hanno una scadenza di 6 mesi dalla richiesta!

DOCUMENTI REDDITUALI


Se Dipendente …

  • Attestato di servizio rilasciato su carta intestata e firmato dall’azienda;
  • Ultime 3 Buste Paga (+ eventuale Busta Paga della tredicesima);
  • Ultima CU disponibile;
  • Estratto conto ufficiale, trimestrale;
  • Lista movimenti che parte dal 31 del mese ultimo registrato nell’estratto conto ufficiale, fino alla data di presentazione richiesta mutuo;
  • Se presenti, copia contratti di ulteriori impegni in corso (prestiti auto, personali, cessioni del quinto etc);

Se Autonomo/Libero Professionista/Partita Iva …

  • Certificato di Attribuzione Partita Iva;
  • Iscrizione Albo di appartenenza;
  • Visura Camerale;
  • Ultime 2 dichiarazioni reddituali;
  • Ultimi 2 Estratti conto ufficiali, trimestrali. Per un totale di 6 mesi di rendicontazione ufficiale;
  • Lista movimenti che parte dal 31 del mese ultimo registrato nell’estratto conto ufficiale, fino alla data di presentazione richiesta mutuo;
  • Se presenti, copia contratti di ulteriori impegni in corso (prestiti auto, personali, cessioni del quinto etc);

Iniziano ad aumentare i documenti! Ecco perchè è meglio dividerli in faldoni. Per quanto riguarda la documentazione reddituale, l’errore più comune viene commesso sull’estratto conto! Dovete fare sempre una netta distinzione tra “ESTRATTO CONTO UFFICIALE” e “LISTA MOVIMENTI”:

L’estratto conto ufficiale, è quello che viene spedito all’indirizzo di casa registrato sul conto. In alternativa, per chi utilizza l’Home Banking Online, viene sempre messo a disposizione del cliente nelle sezioni DOWNLOAD oppure DOCUMENTI, quindi facilmente scaricabile in formato .pdf

La lista movimenti, invece, è quella più comune e conosciuta da tutti: Si richiede allo sportello oppure si può facilmente richiedere online inserendo la data di inizio e fine movimentazione. Va sottolineato, che la lista movimenti richiesta AL BANCOMAT non è un documento presentabile! E’ importante altresì che sia in bella mostra scritto “LISTA DAL” “AL” e sia visibile il SALDO AGGIORNATO ALLA DATA RICHIESTA.

DOCUMENTI IMMOBILIARE


  • Atto di provenienza immobile;
  • Visura catastale aggiornata;
  • Planimetria catastale aggiornata;
  • Eventuale Proposta d’Acquisto e/o Preliminare di Vendita;

Sono tutti documenti reperibili dal venditore o se acquistate tramite agenzia immobiliare, dall’agente immobiliare che segue la vendita. Fate molta attenzione, sopratutto per gli atti di provenienza, che siano presenti tutte le pagine del rogito!! E’ motivo di “blocco pratica” in banca!

Inoltre è bene accertarsi che visura e planimetria siano aggiornate e non siano state create da enti terzi. Vengono prese in considerazione solo quelle rilasciate dal catasto urbano.

Se sono presenti abusi o piccoli abusi, è bene fornire a corredo l’intera documentazione con eventuali oblazioni pagate e, immancabile, fornire la sanatoria/disposizione dirigenziale/concessione edilizia in sanatoria. Senza quest’ultimo documento, la pratica è impossibile deliberarla.

 

Sulla supervisione di tutta questa documentazione, può tornare sicuramente utile affidarsi ad uno Specialista del Credito indipendente. Farà un check su tutta la documentazione e in base al tuo bilancio economico/finanziario ti indicherà la banca e il prodotto mutuo migliore sul mercato.

Invia la tua richiesta, e verrai contattato in maniera gratuita e senza impegno da uno specialista del credito.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *